Chi siamo

L’Anatroccolo è un’associazione benefica fondata da un gruppo di amici nel marzo del 2004, con lo scopo di aiutare i bambini che si trovano in condizioni di disagio economico, famigliare o psicologico. Nel corso degli anni l’azione dell’Anatroccolo si è poi estesa anche nell’aiuto scolastico ai ragazzi, attraverso le borse di studio.

Associazione Anatroccolo Onlus è iscritta all’Anagrafe Unica delle ONLUS – Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale – istituita presso l’Agenzia delle Entrate.

L’attività dell’associazione viene portata avanti quotidianamente dai Soci, che prestano la loro opera a titolo puramente gratuito.

Caratteristica fondamentale dell’associazione è rappresentata dall’assenza di passaggio di denaro alle realtà che si intende aiutare. L’Anatroccolo instaura rapporti di collaborazione, ascolta i bisogni di Comunità per l’Infanzia, reparti di pediatria, scuole, e realizza progetti concreti. Alcuni esempi sono la ristrutturazione della sala di attesa del Pronto Soccorso dell’ospedale Sacco di Milano (2004), oppure la fornitura di arredi per l’allestimento di appartamenti che ospitano le mamme con i propri bambini, all’interno dell’ambiente protetto della comunità.

L’Anatroccolo è un’associazione semplice formata da Amici, che grazie al confronto e alla crescita reciproca, portano avanti un sogno: fare una buona azione, lasciare un segno, seppur piccolo, che possa gratificare qualcuno che sta affrontando un periodo delicato. Poter dare ai bambini una speranza sul proprio futuro, o anche semplicemente non far pesare su di loro difficoltà economiche o famigliari.

Qui di seguito troverete i primi passi dell’Anatroccolo durante il suo primo anno di vita:

aprile 2004
Per la prima volta, in qualità di Associazione, entriamo in contatto con la realtà dei bambini in condizioni di disagio e con le loro mamme. Con i primi fondi raccolti si decide di acquistare …., materiale che ci era stato richiesto da Villaggio della Madre e del Fanciullo.
È il primo passo dell’Anatroccolo, ma il Villaggio lo conosciamo già da qualche anno: ogni Natale alcuni componenti dell’associazione univano le loro forze per portare un regalo ad ogni bambino ospitato.
maggio 2004
si riconferma il nostro rapporto con il Villaggio della Madre e del Fanciullo con la consegna di scatoloni di materiale vario (giochi, matite, quaderni, ecc…)donati da Banque PSA Finance S.A.
luglio 2004
“…l’Anatroccolo incontra Brescia” – L’Anatroccolo decide di farsi largo nella realtà in cui lavora e, grazie al grande aiuto di Giovanni Galli, incontra quattro comunità bresciane.
In questa occasione promuove l’iniziativa “disegniamo il nostro futuro” regalando a ciascun bambino presente all’evento un album da disegno e delle matite colorate.
Grazie a questo evento scrivono per noi (per la prima volta!)un articolo sul giornale.
settembre 2004
iniziamo i rapporti con un’altra organizzazione: la Casa di Accoglienza alla Vita di Belgioioso. Dopo aver raccolto un certo numero di giocattoli che ci sono stati donati, ci siamo recati in quel di Belgioioso per consegnare il materiale donato.
ottobre 2004
Nel mese di ottobre siamo di nuovo operativi con il Villaggio della Madre e del Fanciullo dove consegnamo del materiale igienico donatoci da una ditta.
ottobre 2004
ottobre caldo per l’Associazione che, grazie al gruppo di missionari della parrocchia di piazza Wagner, consegna alla Casa di Accoglienza alla Vita di Belgioioso 30 scatoloni di vestiti per bambini.
dicembre 2004
Operazione Sacco: per la prima volta cerchiamo di entrare in contatto con un ospedale (Ospedale Luigi Sacco). Il nostro obiettivo era quello di ristrutturare la saletta di attesa del Pronto Soccorso pediatrico imbiancandola ed arredandola a misura di bambino.
Nonostante qualche intoppo il nostro progetto è andato a buon fine, soprattutto grazie a Eliana che è riuscita ad ottenere tutti i permessi necessari.

I nostri Soci